Al via un nuovo educational per la promozione turistica - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Al via un nuovo educational per la promozione turistica

 

<<Il concetto di fare turismo cambia, per questo bisogna saper soddisfare i tanti modi con i quali le persone desiderano conoscere i luoghi. La nostra realtà, ricca di eccellenze culturali, e di sapori unici, deve saper trarre da questo grande patrimonio la capacità di offrire svariate opportunità>>. Questo il pensiero dell’assessore al turismo Sonia Pallai, che per domani, 22 febbraio, ha organizzato un nuovo educational in collaborazione con ARGA Toscana (associazione regionale dei giornalisti specializzati nell’agroalimentare) che vedrà la partecipazione di venti professionisti dell’informazione, tra giornalisti e blogger, in un tour esperienziale in grado di mixare il fascino e la storia del Museo Civico di Palazzo Pubblico e del complesso museale del Santa Maria della Scala con i prodotti biologici di un’azienda immersa nella campagna senese. I partecipanti all’educational, come già fatto in passato, saranno protagonisti nella lavorazione e preparazione dei ricciarelli in una scuola di cucina della nostra città. Il gruppo di professionisti della comunicazione avrà, così, l’occasione di conoscere direttamente, alcune delle produzioni locali che contraddistinguono il territorio senese e, attraverso il loro lavoro di informazione, divulgare la marca connotativa della nostra identità alimentare. Insieme a questa anche i valori storici e le radici antropologiche, che hanno generato modelli alimentari sempre più presi ad esempio e imitati a livello internazionale. La giornata di lavoro prevederà anche un momento di scambio e di confronto sulla comunicazione turistica che vedrà l’assessore Pallai e i giornalisti confrontarsi su tematiche di attualità e strategie.

<<Il turismo - come ha evidenziato la Pallai – è sempre più un’industria in continua evoluzione. Per la nostra realtà, come per il resto del Paese, generatore di economia, per questo è indispensabile un’offerta il più possibile variegata, in grado di offrire stimoli a pubblici diversi. Al contempo dobbiamo riuscire a creare pacchetti non più monotematici, ma integrati che insieme alla visita del luogo di interesse propongano anche altri aspetti culturali legati all’identità dei posti>>.