Sulle tracce dei Guidi. Trenta “cugini” francesi in terra toscana - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Sulle tracce dei Guidi. Trenta “cugini” francesi in terra toscana

Sono stati ricevuti questa mattina dall’assessore al Turismo Sonia Pallai  i 30 “cugini” francesi, dai 10 agli 86 anni, in questi giorni in Toscana  alla ricerca delle tracce dei loro antenati.

Tutti discendenti dal ramo francese dell’antica famiglia italiana Guidi, i cui numerosi membri, generalmente ghibellini, erano emigrati dalla Toscana tra il 1289 e il 1440 prima di stabilirsi, nel 1520,  definitivamente ad Antibes.

Un vero e proprio pellegrinaggio sulle tracce dei Guidi  in terra toscana. Dopo aver fatto tappa a Pistoia, Arezzo e nel Casentino, oggi il gruppo, guidato da Jean Louis de Turckheim,  è giunto nella nostra città dove i loro antenati,  in epoca medioevale, hanno ricoperto prestigiose cariche civili e militari. Dai loro archivi risulta, infatti, che ben otto dei loro avi sono stati Podestà: Guido Novello Guidi (1270), Aghinolfo II Guidi (1281), Guido Guidi II (1283), Simone Guidi di Battiffolle (1285), Guido Guidi di Battiffolle (1287), Guido Salvatico Guidi (1288), Ruggero V Guidi (1317) e Ugo Guidi (1319).

Durante questo viaggio alla riscoperta delle origini l’attenzione al periodo storico che ha visto lo scontro tra Guelfi e Ghibellini e le relazioni intercorse tra il sommo poeta Dante Alighieri e la famiglia Guidi nel Casentino.  

Per il passaggio in terra senese visita guidata alla città e al Museo Civico, con l’obiettivo di diventare ambasciatori e promuovere le bellezze di Siena al ritorno in Francia, e appuntamento all’Archivio storico per verificare la presenza a Siena, dal 1297 al 1308, di due banchieri fiorentini: Musciatto e Albizzo Guidi, detti “Guidi dei Franzesi”, perché lavoravano per conto del Re di Francia Filippo il Bello e che, secondo le loro informazioni, abitavano in Piazza del Campo.