Passa all’unanimità la mozione di Lorenzo Loré sull’istituzione del garante dei diritti degli anziani - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

Passa all’unanimità la mozione di Lorenzo Loré sull’istituzione del garante dei diritti degli anziani

E’ passata all’unanimità la mozione presentata ieri, 19 ottobre, in Consiglio da Lorenzo Loré (Forza Italia) sull’istituzione del garante dei diritti degli anziani. Come ha ricordato il consigliere nella Carta dei Diritti fondamentali dell’UE si legge “l’Unione riconosce e rispetta il diritto degli anziani di condurre una vita dignitosa e indipendente e di partecipare alla vita sociale e culturale”. Ma, anche che “la dignità umana è inviolabile. L’età e le condizioni di dipendenza non possono essere motivo di restrizione di diritti umani inalienabili e di libertà civili riconosciute a livello internazionale ed inserite nelle Costituzioni democratiche. Tutti, senza riguardo di età o condizione di dipendenza, hanno il diritto di godere dei diritti e delle libertà e di difendere i loro diritti umani e civili. (…) Gli stati membri devono sviluppare politiche che promuovano questi diritti (…) nonché dare supporto a coloro che li affermano e li sostengono”. Per la Carta europea “gli anziani rappresentano un patrimonio per la società, non solo perché in loro si identifica la memoria culturale di una popolazione, ma anche perché sempre più costituiscono una risorsa umana attiva, un contributo di energie e di esperienze del quale la società può valersi”. <<Ed è in base a questi motivi - ha evidenziato Loré - che la società deve essere disponibile e preparata ad affrontare i problemi della terza età, sia della parte sana e ancora attiva, come di quella fragile, ma per farlo necessita di un supporto normativo da attuare in maniera organica e programmata, riconoscendo i giusti diritti dell’anziano e impedendo possibili discriminazioni, che tendono non raramente a emergere>>. E visto che dallo studio eseguito dall’European Centre for Social Welfare Policy and Research emerge la criticità di molte nazioni, compresa l’Italia, a garantire il rispetto dei diritti delle persone anziane <<è compito delle Istituzioni - ha sottolineato - tutelare l’anziano come individuo, agendo sull’opinione pubblica e sulle istituzioni competenti, affinché ogni suo diritto sia garantito a priori e non a posteriori. Appare quindi indispensabile l’istituzione di un Garante dei diritti degli anziani, analogamente a quanto fatto per altre diverse situazioni, così da assicurare una capillarità di azione e che possa lavorare in sinergia con la già costituita Consulta comunale per gli Anziani>>. Da qui la <<richiesta di impegno del sindaco e della giunta comunale a istituire questa figura i cui compiti, funzioni e prerogative saranno descritti in un apposito Regolamento/Disciplinare che, prima di essere presentato in Consiglio comunale, sarà sottoposto alle competenti commissioni consiliari>>.

Ufficio Stampa Comune di Siena