In uscita l'avviso contributi affitto per le famiglie in temporanea difficoltà economica - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

In uscita l'avviso contributi affitto per le famiglie in temporanea difficoltà economica

Nel recepire le decisioni adottate dal LODE senese lo scorso 28 gennaio relativamente alla misura straordinaria e sperimentale finalizzata all’erogazione del contributo per la prevenzione dell’esecutività degli sfratti per morosità, la Giunta comunale ha approvato, questa mattina, lo schema di avviso pubblico e relativo modello di domanda tramite il quale accedere ai contributi.

Come ha infatti illustrato l’assessore al sociale Anna Ferretti in conferenza stampa, la Giunta regionale ha deliberato uno stanziamento di 4milioni di euro da ripartire, per ciascun ambito LODE, in base agli sfratti rilevati nel 2012 risultanti dai dati forniti dal Ministero dell’Interno. I 225.372 euro spettanti al LODE senese permetteranno al nostro Comune di accedere ad una quota pari a 56.703 euro da usare come contributi per un valore, ciascuno, fino ad un massimo di 5.000 euro (comprensive di 500 euro per le spese legali sostenute), da destinare ai proprietari di case abitate da famiglie che non possono pagare gli affitti per condizioni di temporanea difficoltà economica. Nello specifico ridotta capacità reddituale per: licenziamento, diminuzione dell’orario di lavoro, cassa integrazione, collocazione in mobilità, cessazione di attività libero-professionali, grave malattia, ecc.
<<La difficile e critica congiuntura economica che sta attraversando il Paese – ha detto la Ferretti – sta alla base del disagio che sempre più famiglie si trovano a vivere. Una situazione che non lascia indenne neppure Siena visto che i 19 sfratti per morosità del 2009 sono, nel 2013, saliti a 93 anche se non tutti per cause come quelle previste dall’avviso che abbiano appena approvato>>.
Un trend negativo, purtroppo, in costante crescita e verso il quale l’amministrazione comunale cerca di attivarsi con una serie di iniziative atte a sostenere le famiglie e, al contempo, i locatori altrimenti privati dall’introito derivante dall’affitto della loro proprietà.
<<Anche se la nostra città, come capoluogo di provincia, registra dati molto inferiori rispetto ad altre realtà toscane, la situazione è comunque da tenere il più possibile sotto controllo. Il poter accedere a questi contributi non risolve, certo, il problema, ma questa e tutte le altre iniziative che potremo attivare saranno, comunque, di aiuto per arginare il fenomeno>>.
A Siena è la seconda volta che viene pubblicato l’avviso per accedere ai contributi.

La modulistica è scaricabile a questo indirizzo .

E quest’anno, visto il lungo periodo a disposizione per presentare le domande, dal 10 febbraio al 15 ottobre, chi è interessato avrà il tempo necessario per venirne a conoscenza e redigerla. 
Il contributo infatti, permetterà di bloccare l’esecutività dello sfratto qualora il locatore acconsenta a interrompere l’iter procedurale. In caso contrario l’inquilino avrà la possibilità di accedere a una cifra massima di 2000 euro come fondo a garanzia per la stipula di un nuovo contratto di locazione. <<E’ un venir in aiuto – ha evidenziato la Ferretti – a tutti e due i soggetti: locatario e locatore >>.
La graduatoria sarà stilata in base alla data di presentazione della domanda. Dopo il 15 ottobre il denaro non ripartito tra i richiedenti sarà messo a disposizione, nella logica del principio di sussidarietà fra le diverse aree territoriali della provincia, in modo da garantire l’accesso anche a coloro che pur avendo i requisiti sono rimasti esclusi per mancanza di fondi.
<<Ieri – ha informato l’assessore – si è insediata la Commissione per la graduazione degli sfratti, composta dai sindaci nominati dalle varie zone della provincia, dai sindacati degli inquilini e dei proprietari, oltre a rappresentanti della Questura e Prefettura. Si tratta dell’organismo che, in base a specifiche esigenze rilevate, ha la possibilità di proporre al Prefetto lo slittamento , da 6 mesi fino a un anno l’esecutività dello sfratto>>. Un’ulteriore dilatazione dei tempi sicuramente di aiuto, così come il tavolo di lavoro, convocato per mercoledì prossimo, per un accordo territoriale riguardo la stipula di affitti a canone concordato. <<Un’altra possibilità che sarà possibile attivare se riusciamo a trovare modalità che incentivino i proprietari a scegliere questa opzione>>.

<<Insieme, poi, - ha proseguito la Ferretti – ai casi di morosità per temporanea difficoltà economica delle famiglie, dobbiamo fronteggiare anche altri tipi di emergenze, derivanti da fattori diversi, come l’inagibilità dell’appartamento o particolari situazioni familiari.
Ad alleggerire il panorama generale della situazione senese, contribuirà, sicuramente, il completamento dei lavori per i 24 alloggi a S. Miniato e la realizzazione dei 33 prevista in Viale Bracci, ma <<l’attenzione dell’amministrazione sul problema casa rimane comunque alto, infatti – ha concluso Anna Ferretti - se riusciremo a trovare economie dal bilancio di previsione queste saranno destinate al fondo per il contributo affitto>>.