La vita delle donne: sogno e speranza nonostante la precarieta’. Incontro pubblico a palazzo patrizi - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

La vita delle donne: sogno e speranza nonostante la precarieta’. Incontro pubblico a palazzo patrizi

L’appuntamento per discutere e riflettere sul tema “La vita delle donne sogno e speranza nonostante la precarietà” è per il prossimo 31 marzo alle ore 15 a Palazzo Patrizi (via di Città, 75). Organizzato, con il patrocinio del Comune, da Cgil, Cisl e Uil, rientra nel ricco Cartellone di iniziative per la Festa della donna, promosso dall’amministrazione provinciale. La precarietà riveste oramai, all’interno del dibattito sul lavoro, uno dei problemi più rilevanti della società contemporanea per i risvolti, spesso, drammatici sulle condizioni di esistenza e di vita quotidiana. Difficoltà dove le donne si trovano a pagare il prezzo più alto. Come ha affermato l’assessore alle pari opportunità del Comune di Siena, che interverrà all’incontro <<nonostante che la percezione diffusa sia di aver raggiunto una presunta parità e uguaglianza tra i sessi siamo, ancora, in una fase dove il produttivo viene declinato al maschile, così come all’interno dell’ambito familiare permane, forte, l’accentuazione dei ruoli e delle differenze sessuali. In un contesto, poi, fortemente condizionato dalla crisi economica come quella che stiamo vivendo, la precarietà del lavoro relega le donne in circuiti dove le poche certezze e le scarse prospettive di carriera determinano una sostanziale regressione nella affermazione dell’indipendenza e della libertà di scelta da parte delle donne rispetto agli uomini>>. Per fronteggiare i mutamenti sociali indotti dai cambiamenti del mercato del lavoro risulta quindi, necessario incidere, trasversalmente, sui modelli occupazionali, sistemi di welfare locale e, soprattutto, sulla cultura di genere. Un’azione sociale che permetta e garantisca alla donna la gestione delle sue scelte e progettualità: figli, carriera, autonomia economica, all’interno di una flessibilità lavorativa sostenibile e non penalizzante.